SHARE

Un applauso commosso e il rombo dei motori per l’ultimo saluto al piccolo Samuele, il piccolo campione con la passione per i motori che tutti conoscevano e che recentemente aveva trionfato in una gara di go kart a Montallegro. Giornata di lutto cittadino, oggi, a Siculiana dove nella chiesa Madre si sono svolti i funerali di Samuele Miceli, il bimbo di 8 anni morto martedì scorso in seguito all’incidente stradale sulla strada provinciale che collega Siculiana con Montallegro. Oltre alle bandiere a mezz’asta in tutti gli uffici pubblici, il Comune ha invitato i commercianti, gli artigiani, le imprese e le organizzazioni sociali “a sospendere le attività in segno di raccoglimento e partecipazione al dolore della famiglia Miceli”.
Il piccolo, martedì pomeriggio, era alla guida di un Piaggio Sì che, per cause in corso di ricostruzione da parte dei carabinieri, si è scontrato contro una Volkswagen Passat guidata da un quarantanovenne di Realmonte. Un’inchiesta è stata aperta dalla procura della Repubblica di Agrigento per accertare eventuali responsabilità.


Ma oggi è il momento del dolore. All’uscita del feretro, dalla chiesa Madre di Siculiana dove l’arciprete don Antonio Martorana ha officiato i funerali, gli amici, grandi e piccoli, hanno salutato Samuele con un rombo di motori. A pochi metri dall’ingresso della chiesa era stato anche allestito uno stand dove sono stati esposti tutti i premi che il piccolo aveva vinto.
Terribile il dolore dei familiari. Grande la commozione dell’intera comunità di Siculiana. Per consentire a tutti di partecipare alle esequie, visto che la chiesa Madre era gremita in ogni ordine e grado di posti, è stata anche collocata l’amplificazione esterna. Anche il sindaco Leonardo Lauricella, con indosso la fascia tricolore, ha preso parte al doloroso momento d’addio. Così come hanno fatto i compagnetti di classe, gli insegnanti, gli amici del go kart e quelli del Grest.

SHARE