Coronavirus, ordinanza del sindaco di Cattolica Eraclea: ”Rimaniamo in casa, grave situazione richiede sforzo comune”

“Sarà emanata una ordinanza sindacale contenente tutte le disposizioni che già si trovano nel decreto emanato dal Governo e dalla Regione Sicilia, che già sono state illustrate in queste ore. La grave situazione di fronte alla quale ci troviamo richiede uno sforzo comune. Uno sforzo concreto, che magari potrà cambiare le nostre abitudini quotidiane.
Bisogna quanto il più possibile evitare i contatti tra persone. E la cosa che più può essere utile, è rimanere a casa! Per alcuni giorni evitiamo di frequentare piazze, qualsiasi luogo in cui si possa creare gruppo tra persone. Rimaniamo in casa. Per le attività commerciali domani l’ordinanza illustrerà quali misure bisogna adottare e quali attività dovranno, secondo la normativa nazionale, rimanere chiusi. Copisco e comprendo in fondo il disagio, specie economico, che tutto questo causerà. E altresì comprendo come sia anche difficile farlo. Ma tutto questo garantirà la fuoriuscita da questa crisi. Lo voglio fermamente ripetere: la situazione è molto grave e non bisogna essere sottovalutata”. Lo ha scritto su Facebook il sindaco di Cattolica Eraclea Santo Borsellino. L’ordinanza, che sarà disposta tra una decina di minuti, sarà affissa oggi in tutti i locali pubblici del paese.