Sicilia, Cig in deroga: ”mistero” su bonus 10 euro a dipendenti regionali per incentivarli a evadere più pratiche

E’ ‘mistero’ sull’accordo tra Regione e alcuni sindacati dei regionali che assegnerebbe 10 euro, ridotti a otto nel giro di qualche settimana, a 140 dipendenti dell’assessorato Lavoro per incentivarli a evadere piu’ pratiche possibili con lo scopo di velocizzare la trasmissione all’Inps dei decreti per la cassa integrazione in deroga attesa da 37mila aziende per 130 mila lavoratori in Sicilia. Con lo scopo di convolgerne altri 100, per ora in smart working. Al momento esiste un “pizzino” sottoscritto ieri nel corso di una riunione al Dipartimento Lavoro, che l’ANSA ha recuperato.

Nel foglietto c’e’ scritto a penna che si tratta di una ipotesi di accordo. In calce ci sono le firme dei segretari dei sindacati Siad, Cisl-Fp, Sadirs, Fp-Cgil e Uil-Fpl: non ci sono quelle di Ugl e Cobas/Codir che non hanno partecipato all’incontro perche’ avevano chiesto un rinvio per approfondire il tema, ma soprattutto contestavano la decisione del dirigente di fare la riunione in sede e non in video-conferenza per l’emergenza Covid-19. Sul ‘foglietto c’e’ anche la firma di Giovanni Vindigni, direttore generale del Dipartimento lavoro. Si legge: ‘progetto eliminazione arretrato pratiche Cigd”. E a seguire: pratiche n. 30.000, costo a pratica a prescindere dalla categoria 300.000, 00″.

La bozza prevede 10 euro per ogni pratica in piu’ evasa dal dipendente regionale rispetto al budget di istanze assegnate per il periodo 4-10 maggio; 9 euro dall’1 al 15 giugno e 8 euro dal 16 al 30 giugno. Ma Cobas/Codir e Ugl mettono in dubbio l’intesa. Anzi. “Abbiamo appreso informalmente dalla direzione Lavoro che non si e’ sottoscritto alcun accordo”, sostengono. E fanno sapere di attendere “il verbale relativo alla riunione”. La bozza riguarderebbe dunque una platea molto ristretta dei 12 mila regionali. Inoltre, i 300 mila euro sono rappresentano un “bonus: la somma infatti verrebbe recuperata dal fondo per il salario accessorio dei regionali, che ammonta a circa 30 milioni di euro. Soldi che gia’ spettano ai regionali. (ANSA)