Fase 2, Assoturismo: ”Forte delusione per bozza dl Rilancio, settore ignorato speciale”

“Le imprese del turismo sono fortemente deluse dagli interventi previsti dalle bozze di DL Rilancio in circolazione. Per il settore c’e’ poco e niente: il credito di imposta servira’ a poco, viste le prospettive praticamente nulle di ripresa. E anche il Fondo ha una dotazione irrisoria. Sembra quasi che il turismo, da teoricamente ‘sorvegliato speciale’ visto che e’ il piu’ colpito dall’emergenza, sia diventato l’ignorato speciale”. Lo dice all’ANSA Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti. “Gli interventi – aggiunge – sono pochi e insufficienti. Le misure urgenti citate nell’articolo 184 non possono che essere un primo passo. Serve un piano straordinari di sostegno al settore, non provvedimenti a macchia di leopardo. Grande delusione anche per il bonus vacanze, sia per l’attuazione che per l’importo. Cosi’ e’ inutile, era meglio mettere le risorse sugli indennizzi, che devono essere piu’ sostanziosi. Il credito di imposta sugli affitti copre nemmeno un terzo del dovuto in caso di affittanze d’azienda, la formula piu’ usata dalla ricettivita’”. “Adesso basta, non c’e’ piu’ tempo, siamo ai momenti finali. Abbiamo atteso fino ad oggi interventi che avrebbero dovuto salvare il settore, solo per ricevere invece un’ulteriore cocente delusione. Senza un sostegno mirato, il turismo non puo’ farcela”, conclude Messina. “Le imprese – aggiunge – rischiano di implodere, con effetti drammatici per tutti: a rischio ci sono centinaia di migliaia di attivita’ e circa un milione di posti di lavoro, che potrebbero essere spazzati via dalla crisi. Bisogna cambiare subito rotta e dare una chance vera al turismo”. (ANSA)