Startup siciliana crea software turismo “contro la crisi”

In pieno lockdown,nel marzo scorso, Federico Lima, 28 anni, praticante avvocato ha creato una startup La Threebot, con sede a Palermo, che dovrebbe aiutare gli operatori turistici colpiti dalla crisi dovuta alla pandemia. La startup e’ una delle dieci che hanno vinto il programma +Turismo+Cultura di Bravo Innovation Hub,l’acceleratore d’impresa di Invitalia per le imprese del turismo e della cultura piu’ innovative del Mezzogiorno. Le startup vincitrici sono due in Sicilia, 4 in Campania, 3 in Puglia e una in Basilicata. Al concorso, cui hanno partecipato in 87, e’ arrivata prima la cooperativa di comunita’ “Identita’ e Bellezza”, col progetto di piu’ di 40 pacchetti esperienziali confezionati dal museo Diffuso dei 5 Sensi sul territorio di Sciacca (Ag).

Il progetto di Threebot, arrivato quarto, ha una duplice offerta: un assistente di viaggio dotato di intelligenza artificiale, chiamato “Travelino”, robot che comprende le intenzioni dell’utente attraverso i messaggi di testo e i messaggi vocali in chat e lo supporta durante il viaggio; una piattaforma innovativa, dal nome “digital agencies”, a supporto delle agenzie di viaggio. “Siamo davvero orgogliosi di essere stati scelti e di rappresentare la Sicilia – dice Lima – Effettueremo questo percorso di accelerazione che rappresenta un’opportunita’ di crescita e di potenziamento per i nostri servizi che introdurremo sul mercato italiano quando la situazione covid-19 sara’ piu’ contenuta e verranno somministrate le prime dosi del vaccino.

Introdurremo nuove tecnologie dotate di intelligenza artificiale che supporteranno il viaggiatore in ogni sua azione di ricerca ed acquisto del servizio specifico, digitalizzando le imprese impegnate nella distribuzione ed intermediazione dei contenuti e servizi di viaggio, che hanno visto azzerare il loro fatturato nel 2020. Il software permettera’ agli operatori turistici di guadagnare di piu” e riprendersi dalla crisi”. Il progetto dovrebbe essere pronto prima della prossima estate. Dopo la laurea in Giurisprudenza il giovane ha fatto un master in economia del turismo e poi ha intrapreso un percorso personale con l’aiuto di tecnici. Le startup vincitrici riceveranno 20 mila euro e altri 20 mila in servizi di formazione, mentorship e networking: saranno seguite per 4 mesi nel percorso di accelerazione del processo di sviluppo. (ANSA)