Mafia: cronisti e magistrati ricordano vittime a Palermo

La prima manifestazione antimafia del 2021 in Italia e’ stata organizzata da Unci e Anm a Palermo. Cronisti e magistrati stamane hanno ricordato tutte le vittime della mafia. L’evento, giunto alla quinta edizione, ideato dal giornalista Leone Zingales e promosso dal Gruppo cronisti siciliani dell’Unione cronisti e dall’Associazione nazionale magistrati-distretto di Palermo, si e’ svolto al Giardino della Memoria di via Ciaculli, ed e’ noto dal 2017 con un titolo semplice ma efficace: “Comincia il nuovo anno, ricordiamoli ogni giorno”. Davanti agli alberi che ricordano le vittime della mafia, cronisti e magistrati – insieme con le autorita’ intervenute – hanno dedicato una riflessione per tutti i caduti. A causa dell’attuale emergenza epidemiologica l’evento di quest’anno si e’ svolto in forma ristretta, nel pieno rispetto delle misure di cautela e tutti i partecipanti indossavano le mascherine. Hanno preso parte all’evento il comandante provinciale dei vigili del fuoco di Palermo, Agatino Carrolo, e ufficiali e sottufficiali dell’Arma dei carabinieri, della Guardia di finanza e dell’Esercito. “Ritrovarsi oggi al Giardino – ha sottolineato il giudice Giovanna Nozzetti, presidente Anm – ha una valenza simbolica ancora piu’ intensa che negli anni trascorsi, richiamando l’attenzione su un front, quello del contrasto alla criminalita’ organizzata, sul quale non si puo’ mai abbassare la guardia, specie in un periodo storico profondamente segnato dalla pandemia e dalla crisi economica e sanitaria, che hanno acuito le preesistenti disuguaglianze sociali, generando tensioni e insicurezza”. (ANSA)