Tentata estorsione a ex sindaco di Vittoria, rito abbreviato per 48enne

E’ accusato di aver cercato di ricattare Giovanni Moscato, che nel 2016 vinse le elezioni diventando sindaco di Vittoria. E per questo e’ stato rinviato a giudizio. Riteneva, secondo l’accusa, di potere ricattare Moscato con il contenuto della registrazione di una telefonata. In cambio del silenzio voleva un lavoro. Moscato era gia’ sindaco, e di conseguenza il reato di cui un 48enne vittoriese e’ accusato, ovvero l’estorsione, e’ aggravato anche dal fatto di averlo commessa nei confronti di pubblico ufficiale. La pronta denuncia del primo cittadino della citta’ siciliana stronco’ il tentativo. Il 48enne ha chiesto il rito abbreviato, a cui e’ stato ammesso e che verra’ discusso a luglio. (AGI)