Incendia panificio e si spaccia per il fratello di Riina, agrigentino condannato per estorsione

Si spaccia per il fratello del “capo dei capi” di Cosa nostra e inizia a incendiare cassonetti e un panificio per poi potere chiedere il pizzo. A distanza di una decina di anni dal primo episodio, i giudici della seconda sezione penale del tribunale di Agrigento hanno condannato a 2 anni e 6 mesi di reclusione Calogero Sanfilippo, 72 anni, di Agrigento, per due accuse di tentata estorsione con metodo mafioso. Il collegio presieduto da Wilma Angela Mazzara gli ha inflitto una pena contenuta alla luce del fatto che tre imputazioni si sono prescritte e che una perizia psichiatrica, disposta durante il dibattimento su richiesta del difensore, l’avvocato Antonio Provenzani, ha accertato la sua condizione di seminfermita’ mentale. “Sono il fratello di Toto’ Riina, il capo dei capi, il mio biglietto da visita e’ l’incendio dei cassonetti”. Sanfilippo, dopo aver dato fuoco a ben trentacinque contenitori dei rifiuti ed essersi ustionato per la vastita’ del rogo che non riusci’ a controllare, avrebbe provato a convincere telefonicamente uno dei responsabili della societa’ che gestiva il servizio di nettezza urbana che era il caso di pagare. Dopo pochi giorni avrebbe provato a ripetere il copione dando fuoco a panificio, anche in questo caso a Porto Empedocle, ma le fiamme, in questa circostanza, forse per la prudenza dettata dall’episodio precedente, si estinsero da sole. I fatti al centro del processo sono avvenuti fra il 5 e il 12 agosto del 2011. Sanfilippo si sarebbe spacciato per il fratello di Toto’ Riina chiedendo ai responsabili delle ditte dei rifiuti e alla titolare di un panificio, in seguito all’incendio dei cassonetti e dei locali del negozio, di dargli dei soldi. Due imputazioni di incendio e quella di false generalita’ – che scaturiva dal fatto che, presentatosi in ospedale dopo il primo incendio nel quale aveva riportato ustioni, avrebbe detto di chiamarsi con un altro nome – si sono prescritte. Il pm aveva chiesto la condanna a 10 anni. (AGI)