Marine Litter Art 2021 ad Eraclea Minoa, ecco i vincitori del concorso artistico

“Una settimana bellissima, quella di Marine Litter Art. Una settimana in cui 24 artisti hanno condiviso con noi la bellezza dell’ Oasi Marevivo di Eraclea Minoa e della natura che la circonda, ma anche la voglia di lanciare un messaggio di sensibilizzazione ambientale attraverso l’arte. Sabato scorso il tutto si è concluso tra emozioni grandissime alla presenza dei colleghi e familiari di Antonio Aloisio alla memoria del quale sono stati dedicati i due premi in palio. A giorni vi racconteremo meglio tramite foto, video e maggiori informazioni.

Intanto ufficializziamo i vincitori. Giampiero Di Napoli ha vinto uno dei due premi con la sua opera “Preghiera”, l’altro premio è stato vinto in ex aequo da Aurora Bresci con l’opera “Beachwear collection” e Niko Giordani con “From Nanoplastic”. Le opere rimmarrano visitabili nella zona circostante l’Oasi Marevivo per tutto il periodo estivo. Ricordiamo che la quarta edizione del concorso è stata inserita nel progetto Halykòs sostenuto da Fondazione CON IL SUD che ha come obiettivo la riduzione dell’inquinamento e la valorizzazione della Foce del Fiume Platani dalla quale provengono i rifiuti che compongono le varie opere”. E’ quanto si legge sulla pagina Facebook di Marevivo Sicilia.

Una menzione speciale è andata gli artisti Giorgio Bruce Caldarella con “Rinascita” e Domenico Cocchiara con “Dicotomia dell’Halykòs”. Un sezione speciale è stata riservata ai giovanissimi artisti del Liceo Artistico Guttuso Milazzo e dell’ Accademia di belle arti “Michelangelo” Agrigento che hanno lavorato, oltre ai rifiuti spiaggiati, anche quelli recuperati dai CO.GE.PA di Linosa e Lampedusa e di Portorosa. I due primi premi sono stati vinti da Valerio Vella con “Il mondo in trappola” e Simone Crisafulli e Nunzia Aurora Spagnolo con “Metamorfosi dell’archeologia”. Menzione speciale per Cetty Messina e Federica Beninati per la loro performance di “Diossina mediterranea” e per Luisa Liotta con l’opera “Davanti, dietro ed oltre”.