Al via la vendemmia nell’Agrigentino, produttori ed esperti: ”Sara una buona annata”

Ha preso il via la vendemmia 2021 nell’Agrigentino. Il caldo di questi giorni impone di raccogliere in fretta le varietà precoci e naturalmente sono necessarie irrigazioni di soccorso. Produttori ed esperti prevedono un buona annata, sia sul piano della quantità sia su quello della qualità delle uve.

“Questa settimana vendemmiamo in tutte le aziende che hanno varietà precoci. Le uve sono sane e l’annata si prevede ottima, il caldo sta facendo accelerare tutte le operazioni vendemmiali e chi ha delle buone vigne farà un ottimo prodotto. Per quello che accadrà dopo siamo sempre nelle mani del Signore, speriamo bene”. Così commenta l’inizio della vendemmia il noto enologo Tonino Guzzo, consulente di diverse aziende in tutta la Sicilia che nell’Agrigentino segue la Cva di Canicattì, Luna Sicana di Casteltermini, le cantine Bagliesi e Bonsignore entrambe in territorio di Naro.

“Abbiamo iniziato la vendemmia con lo Chardonnay per le basi spumante, le uve sono sane – dice Saverio Lo Leggio dell’Azienda agricola G. Milazzo di Campobello di Licata – perché il caldo è sì intenso ma secco, non abbiamo problemi di acqua quindi possiamo fare tranquillamente le irrigazioni di soccorso, in ogni caso abbiamo la necessità di correre. Dispiace, però, segnalare – aggiunge – le difficoltà a trovare personale agricolo stagionale, perché in tanti prendono il reddito di cittadinanza e non vogliono venire oppure chiedono di lavorare in nero. Purtroppo non vuole venire neanche chi prende l’indennità di disoccupazione come bracciante agricolo. Questo per noi è un grande problema visto che facciamo solo raccolta manuale e non quella meccanica. Ho già fatto presente questa situazione al sindaco di Campobello di Licata sperando possa individuare una soluzione magari portando il problema all’attenzione del prefetto”.

“Iniziamo questa settimana con la raccolta delle uve di Grillo e Nero d’Avola per le basi spumante, poi proseguiremo con le altre varietà. Si prevede un’eccellente annata, ad oggi le uve sono splendide e pure le vigne, speriamo bene e incrociamo le dita”, dice Carmelo Bonetta della cantina Baglio del Cristo di Campobello.

Giuseppe Bursi, presidente di Cantine Settesoli di Menfi, commenta:  ”Le premesse per un’ottima annata ci sono sicuramente. Le uve sono di buona qualità e l’andamento climatico nei mesi passati è stato favorevole affinché la vendemmia 2021 sia più che positiva”.

“La vendemmia – dice Gunther Di Giovanna, titolare dell’azienda Di Giovanna di Sambuca di Sicilia – si annuncia molto buona sia in termini qualitativi che quantitativi. Abbiamo avuto un’ondata di caldo tra la fine di luglio e i primi giorni di agosto, però sembra, almeno guardando le previsioni, che già nei prossimi giorni dovremmo cominciare a registrare temperature un po’ più miti. Per quel che riguarda il risultato finale – prosegue – aspettiamo la fine della vinificazione per esprimere un giudizio complessivo. Quello che abbiamo notato quest’anno, in particolare nel periodo di luglio – spiega – sono delle grandi escursioni termiche a tutto beneficio della maturazione dei grappoli. Abbiamo iniziato raccogliendo lo Chardonnay”.