Trentenne agrigentino pestato e accoltellato, indagano i carabinieri

Cosa abbia innescato la baruffa finita nel sangue non è chiaro. I carabinieri del nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Agrigento, intervenuti in maniera fulminea lungo le vie di Villaseta, hanno sentito più persone, nonché lo stesso ferito. Un trentenne agrigentino – come riporta il Giornale di Sicilia è finito al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio dopo che è stato picchiato a sangue ed accoltellato ad una coscia. I medici del presidio di contrada Consolida non appena il giovane è giunto, trasferito con un’autoambulanza del 118, lo hanno sottoposto a tutti gli accertamenti sanitari ritenuti necessari, hanno applicato più punti di sutura e hanno diagnosticato una lacerazione che dovrebbe guarire, salvo complicazioni, in circa dieci giorni. L’aggressione, sfociata in accoltellamento, si è registrata nella notte fra giovedì e venerdì. Non è chiaro se ci sia stato un «faccia a faccia» – fra il trentenne e il suo aggressore – o se invece l’agrigentino ferito sia stato letteralmente e appositamente pestato. I carabinieri del nucleo Operativo e Radiomobile e quelli della compagnia della città dei Templi mantengono le bocche rigorosamente cucite.
Nessuna indiscrezione è stata fatta trapelare, né dopo l’aggressione, né tantomeno nella giornata di ieri. Pare che il giovane, in ospedale, abbia parlato d’essere stato all’improvviso accerchiato e pestato da due persone, forse degli immigrati.