VIDEO | Belìce, commemorazione vittime del sisma con una messa nella rinata Cattedrale di Montevago

Con una messa celebrata dall’arcivescovo di Agrigento, monsignor Alessandro Damiano, nella rinata Cattedrale di Montevago sono state ricordate oggi le vittime del terremoto che la notte tra il 14 e il 15 gennaio del 1968 devastò la Valle del Belìce. ”A 54 anni dal sisma ricordiamo i nostri concittadini che hanno perso la vita e celebriamo la rinascita della nostra chiesa Madre”,  ha detto il sindaco Margherita La Rocca Ruvolo. ”La riconsegna della Cattedrale ridà vita alle persone di questo territorio”, ha detto l’arcivescovo.

”La memoria fa parte della nostra storia, l’Arma sempre presente”, ha sottolineato il colonnello Vittorio Stingo, comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento, oggi a Montevago per le celebrazioni del 54′ anniversario del terremoto.

Il coordinatore dei sindaci della Valle del Belice, Nicola Catania, a proposito dei ritardi della ricostruzione e della mancate promesse da parte del governo che non ha previsto risorse per il Belìce nella legge di Bilancio, annuncia: “Faremo vertenza contro lo Stato”.

”Tanto lavoro è stato fatto per la rinascita di questo territorio, non biosgna guardare solo criticità”, ha detto il prefetto di Agrigento Maria Rita Cocciufa.

In rappresentanza della Regione Siciliana è intervenuto l’assessore regionale alle Autonomie locali Marco Zambuto.

Per l’ex sindaco della città termalle Antonino Barrile è ”fondamentale il recupero della chiesa Madre per riappriopriarsi dell’identità del paese”.

Per il vice sindaco Vincenzo Infranco ”oggi parte un percorso nuovo tra memoria e turismo”.