Sanità nell’Agrigentino, sindacati: ”Boom di ricoveri ed è allarme, servono più assunzioni e maggiore sicurezza”

“Boom di ricoveri ed è allarme nella sanità agrigentina. Ci sono gravi carenze di personale e i sindacati chiedono un incontro urgente alla Direzione lamentando mancate risposte e scarsa attenzione al problema. E nel frattempo si moltiplicano i rischi di aggressioni al personale con diversi episodi segnalati dai lavoratori”.
Le organizzazioni sindacali Nursind, Cgil Fp, Fsi-Usae, e i loro segretari Salvatore Terrana, Antonio Cutugno, Salvatore Ballacchino esprimono forte preoccupazione sull’andamento della curva dei contagi in provincia, evidenziando come “l’aumento della degenza per il covid 19 sta creando molte difficoltà, e l’azienda sta provando a fronteggiare l’emergenza con una insufficiente dotazione di personale sanitario”.
Secondo i sindacati gli operatori sanitari sono messi a dura prova da questo forte innalzamento dei ricoveri. “I numerosi contagi tra il personale stanno rendendo molto complicato procedere con le sostituzioni – proseguono i sindacati – per cui nei reparti si sta aggravando la carenza di operatori. I dipendenti in servizio sono chiamati all’ennesimo sforzo ulteriore per assicurare l’assistenza ai pazienti, subendo però ancora una volta una beffa. A cominciare dal mancato pagamento del premio covid e dal mancato riconoscimento della indennità di Malattie infettive, senza dimenticare la scarsa sicurezza nei nostri nosocomi della provincia. Ieri è stato aggredito verbalmente un infermiere triagista presso il pronto soccorso e stanno aumentando i casi segnalati dai lavoratori. Ricordiamo anche i continui furti di auto ai danni di pazienti e lavoratori su cui bisogna intervenire”. 
Da qui la richiesta di un incontro urgente alla Direzione generale “per chiedere assunzioni urgenti del personale sanitario per almeno 12 mesi perchè quelle già effettuate purtroppo non bastano, e il riconoscimento economico del personale che si adopera in tale strutture”. I sindacati chiedono inoltre una maggiore sicurezza negli ambienti di lavoro. “Siamo pronti a mettere in campo tutte le battaglie sindacali affinché le nostre richieste vengono evase” affermano Nursind, Cgil Fp e Fsi Usae.