21 Febbraio 2024
Cronaca

Tre coltellate al figlio dello chef Pino Cuttaia, rito abbreviato per 17enne

Giudizio abbreviato per il 17enne arrestato lo scorso luglio con l’accusa di tentato omicidio aggravato ai danni del figlio dello chef pluristellato Pino Cuttaia. Secondo quanto ipotizza l’accusa, il minorenne avrebbe utilizzato un’arma da taglio colpendolo tre volte. Un fendente al fianco, in particolare, provoco’ la rottura della milza e la perforazione della pleura che rese necessario un intervento chirurgico. Il giovane si salvo’ dopo settimane di ricovero in cui fini’ pure in terapia intensiva.

All’origine del tentato omicidio, avvenuto la notte fra l’1 e il 2 luglio, giorno del suo 24esimo compleanno, un litigio provocato dalla richiesta di restituzione di uno scooter che il 17enne avrebbe rubato al fratello di Cuttaia. L’aggressione avvenne all’esterno di uno stabilimento balneare di Mollarella. L’imputato, che ha chiesto di essere giudicato con il rito alternativo dell’abbreviato, si e’ sempre difeso sostenendo di essere stato aggredito per primo da Cuttaia e dai suoi amici in una fase iniziale della vicenda. Poco dopo ci sarebbe stato un secondo litigio ma, sempre secondo la versione della difesa, non avrebbe avuto intenzione di sferrare il fendente e si sarebbe trattato di un incidente dovuto alla concitazione. (AGI)