22 Maggio 2024
EconomiaItalia

Pensioni e lavoro, Landini (Cgil): rivedere legge Fornero e Jobs act

”Il voto del 4 marzo e’ stato molto chiaro: chi ha governato per 5 anni ha dimezzato i consensi, quindi quel modo di governare non ha funzionato. E siccome non c’e’ stata astensione, anzi, e’ evidente la richiesta della societa’ di un cambiamento strutturale. Ripeto: il cambiamento e’ strutturale: e questo voto impone al sindacato di fare fino in fondo il suo mestiere”. Lo ha detto Maurizio Landini commentando il risultato delle politiche durante l’iniziativa pubblica della Cgil abruzzese e molisana per discutere di crisi economica, Area di crisi e azione del sindacato. Landini ha quindi chiarito che ”proprio ora che e’ tornata una politica di tipo proporzionale, visto che nessuno ha il 51%, le forze politiche si devono mettere intorno ad un tavolo e decidere che cosa bisogna fare. Non ci sono piu’ le logiche maggioritarie – ha insistito – gli schieramenti non sono tutti uguali, basta vedere i programmi: quello dei 5stelle per esempio non e’ quello del centrodestra. Quindi io credo che il sindacato ora deve ritrovare la capacita’ di una autonomia dalla politica. Fornero, Jobs Act, ammortizzatori sociali, tutte cose che vanno riviste assieme agli investimenti che devono ripartire. Il voto del 4 marzo in sostanza dice una cosa molto chiara: c’e’ una richiesta di ascolto delle persone, non e’ solo un voto di protesta’.