Mafia, operazione Scrigno: ”Clan attivo a Favignana, il capo è l’agrigentino Vito D’Angelo”

Gli esiti investigativi hanno fornito anche elementi che dimostrano, per la prima volta, l’esistenza di una articolazione mafiosa sull’isola di Favignana, capeggiata dall’anziano Vito D’Angelo, originario di Ravanusa (Agrigento), che dopo aver scontato una lunghissima pena per omicidio, era poi rimasto a Favignana, inizialmente in regime di semilibertà, diventando un punto di riferimento per gli esponenti di cosa nostra trapanese dell’intera provincia. E’ quanto emerge dall’operazione antimafia denominata “Scrigno” sfociata oggi in 25 arresti nel Trapanese.

I carabinieri del Comando Provinciale di Trapani hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 25 esponenti della mafia trapanese. Il provvedimento, emesso dal gip di Palermo, su richiesta della dda, ipotizza le accuse di associazione mafiosa, scambio elettorale politico-mafioso, estorsione, danneggiamento. Tra gli arrestati ci sono due esponenti politici. Si tratta dell’ex deputato regionale del Pd Paolo Ruggirello, accusato di associazione mafiosa, e dell’ex assessore comunale di Trapani Ivana Inferrera, indagata per voto di scambio politico-mafioso. Secondo gli inquirenti, i due politici si “offrivano” ai mafiosi, proponendosi come “punti di riferimento” per i clan e arrivando, in alcuni casi, addirittura ad affidare loro la gestione della campagna elettorale. Ruggirello, 52 anni, trapanese, eletto all’Ars due volte, è stato deputato questore. Si è candidato alle ultime elezioni politiche ma non ce l’ha fatta.