Migranti, ex sindaco di Lampedusa Nicolini: ”Non saggio consentire sbarchi”

“Consentire gli sbarchi autonomi a Lampedusa (Ag) in questo momento non e’ ne’ saggio ne’ coerente con le misure sinora adottate dal Governo per contenere il Coronavirus”. Lo ha detto l’ex sindaco Pd di Lampedusa Giusi Nicolini. “Occorre subito un piano per mettere in salvo le persone che fuggono dall’inferno della Libia e riescono a giungere fino a Lampedusa con sbarchi autonomi – ha spiegato Nicolini – Ma occorre mettere in sicurezza anche la comunita’ di Lampedusa”. Nel giro di 24 ore, essendo calmato il vento, sono arrivate a Lampedusa 175 persone con due sbarchi autonomi al porto vecchio e alla Guitgia. Nell’hotspot di Lampedusa non ci sono le condizioni per ospitare, facendo fare loro la quarantena, queste persone. Neanche i trasferimenti sui mezzi pubblici di trasporto (nave o aereo) possono essere effettuati in sicurezza. “So bene che in tanti avevano creduto che fosse sufficiente fare la guerra alle Ong per bloccare gli arrivi sulle nostre coste e molto probabilmente c’e’ chi continua a crederci contro ogni evidenza. Ne’ la guerra alle Ong, ne’ il famigerato accordo con la Libia (che da’ licenza di sparare e respingere in mare a criminali in divisa)- ha proseguito Nicolini – possono convincere chi e’ disperato a rimanere in Libia. Oggi, pero’, le misure straordinarie per contenere il dilagare dell’epidemia rischiano di essere vanificate dagli sbarchi incontrollati”. (ANSA).

Nella foto un momento della protesta dei cittadini questa mattina a Lampedusa