Mafia, Riesame conferma il carcere per l’avvocata Angela Porcello di Agrigento

Legale dei boss nonche’ “consigliori” e cassiera di Cosa nostra: i giudici del tribunale del Riesame di Palermo hanno confermato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nei confronti dell’avvocato Angela Porcello, fermata il 2 febbraio dal Ros nell’ambito dell’inchiesta antimafia “Xydi” che ha confermato la leadership di Matteo Messina Denaro in Sicilia e delineato il suo ruolo di “consigliori” e cassiera del mandamento di Canicatti’ di cui il suo ex compagno Giancarlo Buggea sarebbe stato il punto di riferimento. La professionista, cancellata dall’Ordine degli avvocati dopo l’operazione, avrebbe dismesso la toga per organizzare summit fra mafiosi nel suo studio articolando, insieme all’ex compagno Giancarlo Buggea, imprenditore gia’ in passato condannato per Mafia, strategie e dinamiche di Cosa nostra arrivando pure a suggerire l’omicidio del collaboratore di giustizia Giuseppe Quaranta. Porcello, che si sarebbe servita delle informazioni di un ispettore di polizia, che avrebbe messo al corrente lei e Buggea delle indagini in corso, fra le altre cose avrebbe gestito la “cassa” della famiglia mafiosa e trasmesso all’esterno del carcere, dove era detenuto in regime di 41 bis, i messaggi e le direttive del boss ergastolano Giuseppe Falsone strumentalizzando il suo ruolo di difensore. (AGI)