Mafia, Vallone (Dia): non spara più ma è sempre presente

“La mafia oggi non spara e non mette le bombe ma continua ad essere presente nel territorio. Le agromafie sono un fenomeno che interessano tutta l’Italia meridionale ma anche alcune zone del Nord. Le mafie storicamente si sono concentrate in questo settore perche’ ha sempre portato tanta ricchezza, anche attraverso i fondi europei che da sempre alimentano il settore agroalimentare italiano”. L’ha detto Maurizio Vallone direttore della Direzione investigativa antimafia nel corso del convegno “Gli affari delle Agromafie” che si svolge a Caltanissetta in occasione del trentennale della Dia.

“Le mafie – ha continuato Vallone – cercano di ottenere soldi attraverso i finanziamenti europee e nazionali, lo sfruttamento dei terreni, dei lavoratori, attraverso il lavoro nero nelle campagne e anche utilizzando quei terreni che riescono ad acquisire per utilizzarli come sversatoi per i rifiuti, anche di tipo tossico, di cui hanno inondato il meridione utilizzando i loro canali di approvvigionamento di questi rifiuti dal nord Italia e dal nord Europa”. (ANSA)