15 Giugno 2024
CronacaMessina e Provincia

Mafia: clan e politica, la ”spintarella” del boss a due candidati Db a Barcellona Pozzo di Gotto”

Uno dei passaggi dell’operazione che ha puntato i riflettori sui nuovi assetti della mafia barcellonese riguarda il reato di scambio elettorale politico mafioso al quale il gip Ornella Pastore, che ha firmato l’ordinanza, dedica un intero capitolo. Dalle intercettazioni dell’indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Messina, emerge l’interesse di Mariano Foti, esponente di spicco del clan alle elezioni amministrative che si sono svolte a Barcellona il 4 e 5 ottobre 2020. In alcune conversazioni con vari interlocutori Foti si informava sulla situazione politica barcellonese in occasione delle elezioni manifestando agli interlocutori anche l’intenzione di ottenere una sistemazione lavorativa per il figlio. Gli investigatori hanno intercettato conversazioni con due esponenti politici che si erano rivolti a lui in quanto stavano procacciando voti in favore della lista “Diventera’ Bellissima Barcellona Pozzo di Gotto” e gli chiedevano sostegno elettorale. Scrive il gip: “I due si sono rivolti al mafioso in quanto timorosi di una possibile sconfitta alle elezioni e nella consapevolezza di potere ottenere una ‘spintarella’ grazie alla forza di intimidazione e al controllo del territorio che l’associazione mafiosa dei barcellonesi – del quale Foti e’ storico esponente – era in grado di esprimere”. (AGI)