24 Giugno 2024
Agrigento e ProvinciaCronaca

Feudo Arancio, gip: non ci fu riciclaggio, cadono accuse al Gruppo Mezzacorona

Il Gruppo Mezzacorona rende noto che in data odierna, in relazione al procedimento penale concernente l’ipotizzata realizzazione di una condotta di riciclaggio riguardante l’acquisto delle aziende siciliane negli anni 2000/2003 del Gruppo stesso, il Giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Trento ha pronunciato una sentenza di non doversi procedere perche’ il fatto non sussiste. “Di tale pronuncia il Gruppo Mezzacorona prende atto con piena soddisfazione, convinto, come e’ sempre stato, della assoluta trasparenza, della correttezza nonche’ regolarita’ del proprio operato”, si legge in una nota.

Nel 2020 la Guardia di finanza di Trento sequestro’ vigneti e fabbricati, del valore di oltre 70 milioni di euro, alla cantina siciliana Feudo Arancio, ipotizzando a carico dei rappresentanti legali del gruppo vitivinicolo trentino Mezzacorona il reato di riciclaggio. Il sequestro preventivo venne emesso dal gip al termine di una inchiesta su presunti tentativi di infiltrazione mafiosa nell’economia trentina. I sigilli vennero apposti a un complesso aziendale che si estende nelle province di Agrigento e Ragusa con oltre 900 ettari di vigneti e numerosi fabbricati. Le indagini – sviluppatesi attraverso ricostruzioni societarie, esami documentali, accertamenti bancari e testimonianze di numerosi collaboratori di giustizia – ipotizzarono che tra il 2000 e il 2005 fosse stata effettuata un’operazione commerciale attraverso la quale sarebbero state acquisite da parte del gruppo vitivinicolo trentino Mezzacorona le due tenute siciliane di proprieta’ degli esattori mafiosi Salvo. I beni, di proprieta’ della famiglia mafiosa di Salemi sarebbero stati ceduti in gestione a prestanome, pur rimanendo all’allora capo mandamento di Sambuca di Sicilia. Il sequestro venne poi annullato dal Tribunale del Riesame. (ANSA)