Video-allarme antirapina nell’Agrigentino, siglato protocollo d’intesa tra Prefettura e Federpreziosi

“Il 5 aprile 2022 – si legge in una nota di Federpreziosi Agrigento – sarà ricordato come una data storica per il comparto dei preziosi della Provincia di Agrigento, che ha visto il consolidarsi e la definizione di una stabile sinergia tra gli imprenditori e la massima rappresentanza del Governo sul nostro territorio. Infatti, presso i locali della Prefettura, tra il Prefetto, Maria Rita Cocciufa ed il Presidente provinciale Confcommercio e Federpreziosi, Giuseppe Caruana, è stato sottoscritto il protocollo attuativo, per la provincia di Agrigento, del Protocollo d’intesa “Video-allarme antirapina” per le imprese orafe, gioielliere, argentiere ed orologiaie, siglato a livello nazionale tra il Ministero dell’Interno e Federpreziosi-Confcommercio Imprese per l’Italia. L’incontro ha visto la partecipazione dei Rappresentanti delle Forze di Polizia e del direttore di Confcommercio Agrigento, Antonio Giardina, mentre collegati in videoconferenza erano presenti il Presidente Nazionale Federpreziosi, Giuseppe Aquilino ed il Direttore Nazionale Federpreziosi, Steven Tranquilli”.

“Questo nuovo Protocollo per la legalità e la sicurezza in materia di videosorveglianza, ha l’obiettivo di garantire maggiore sicurezza per clienti ed esercenti – dichiara Giuseppe Caruana Presidente di Federpreziosi Agrigento – infatti è un accordo finalizzato a costituire la tanto auspicata sicurezza territoriale integrata”. “Il tema Sicurezza per la nostra categoria – continua il Presidente Caruana – soprattutto alla luce di alcuni recenti episodi avvenuti in provincia, continuerà ad essere attenzionato, attraverso una sempre più ampia sinergia con le forze dell’ordine”. Il punto di forza del Protocollo sottoscritto è la costruzione di un sistema integrato che favorisce l’interscambio di informazioni e l’utilizzo di sistemi aggiornati di videosorveglianza e sicurezza, oltre a regolamentare l’utilizzo di strumenti tecnologici capaci di agevolare la collaborazione degli esercenti con le Forze di polizia. Esso è indirizzato al perfezionamento delle attività di prevenzione e repressione dei fenomeni criminali, come le rapine in danno delle imprese orafe, gioielliere, argentiere, orologiere.

“Tra le iniziative previste, vi è l’organizzazione, sul territorio provinciale, di iniziative e incontri sulla prevenzione, sulla promozione dell’utilizzo di sistemi aggiornati di videosorveglianza e sicurezza antirapina. Si tratta di un importante risultato che consente di mettere in atto una buona prassi di collaborazione tra le forze dell’ordine e gli esercenti, i quali, da soggetto passivo delle misure di protezione dagli atti criminali, diventano, grazie alle iniziative poste in essere dall’applicazione del Protocollo, soggetto attivo e collaborante, diventando essi stessi protagonisti della sicurezza propria e dei propri clienti. E questo non può che rappresentare un motivo d’orgoglio e di consapevolezza della grande responsabilità assunta”.