Ucraina, Conferenza Regioni: migliorare sistema accoglienza profughi

“Lavoro intenso con il Capo Dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio, per migliorare gli interventi in favore dei profughi provenienti dall’Ucraina”. Lo ha detto Irene Priolo, coordinatrice vicaria della commissione Protezione civile della Conferenza delle Regioni, nel corso delle audizioni alla Camera e al Senato sul tema dell’accoglienza dei profughi ucraini. “Richiamando il metodo seguito per la pandemia, la Conferenza delle Regioni dimostra la volontà di rafforzare la leale collaborazione istituzionale e in particolare la fattiva sinergia con il Governo e i Comuni. Vogliamo migliorare il sistema dell’accoglienza che funziona, dobbiamo dirlo, anche grazie alla grande generosità dei privati”, ha aggiunto Priolo.

Per l’assessore dell’Emilia-Romagna “bene la prima gestione dell’accoglienza e in particolare il significativo apporto del Terzo Settore, che permetterà una partecipazione molto attiva sul territorio. Inoltre, si evidenzia come le Regioni continuino a fornire i primi servizi sanitari ai profughi, a partire dalle vaccinazioni. È comunque forte la preoccupazione per l’accoglienza di un numero così elevato di profughi. E sono da approfondire e affrontare alcuni temi, come l’inserimento dei ragazzi nelle scuole e gli aspetti sociali del loro inserimento e dell’apprendimento della nostra lingua”. Inoltre “bisognerà anche considerare la collocazione dei profughi in modo più proporzionale, favorendo in particolare il sistema dell’accoglienza diffusa che garantisce una migliore integrazione. Così come sono stati finora fondamentali i centri di accoglienza delle Prefetture”. (LaPresse)