Messina Denaro, gip: ”Luppino custode di segreti, sequestrati pizzini interessanti”

“Un coltello a serramanico della lunghezza di 18,5 centimetri, due cellulari posti in modalità aereo prima di essere spenti, oltre ad una lunghissima serie di biglietti e fogli manoscritti con numeri di telefono, nominativi e appunti di vario genere, dal contenuto oscuro e di estremo interesse investigativo”. Sono gli oggetti trovati a Giovanni Luppino, autista del boss Messina Denaro, elencati dal gip che oggi ha disposto nei suoi confronti la custodia cautelare in carcere. Secondo il giudice Fabio Pilato, che ieri aveva convalidato l’arresto in flagranza di Luppino è “necessario un approfondimento investigativo sul rinvenimento dei numerosi pizzini dal contenuto opaco, che potrebbero schiudere lo sguardo a nuovi scenari”. Decidendo il carcere per l’autista del boss, accusato di favoreggiamento e procurata inosservanza della pena aggravati dal metodo mafioso “trattandosi di un soggetto a stretto contatto con il noto latitante può senz’altro presumersi che egli (Luppino ndr) sia custode di segreti e prove che farebbe certamente sparire se lasciato libero”. (ANSA)