Manovra, Turano: parlamentari siciliani dicano no a sugar tax

“Faccio appello a tutti i parlamentari siciliani perche’ si oppongano strenuamente alla sugar tax, un’imposta che darebbe un colpo mortale al tessuto imprenditoriale della nostra isola”. Lo afferma l’assessore alle Attivita’ produttive della Regione siciliana Mimmo Turano. “La scelta del governo Conte di aumentare la pressione fiscale tassando un unico ingrediente – dice – oltre che di dubbia utilita’ generale e’ assolutamente dannosa per il tessuto economico e produttivo siciliano. La nuova tassa oltre che incidere negativamente sugli acquisti dei consumatori costringerebbe alcune aziende siciliane affermate nel settore ad una riduzione dell’organico e uno stop sugli investimenti.

Senza contare gli effetti letali per le piccole aziende dell’Isola che producono ed imbottigliano bibite analcoliche che non avranno alcuna possibilita’ di sopravvivenza determinando un disastroso calo occupazionale ed un impoverimento”. Secondo l’assessore alle Attivita’ produttive ci sarebbero anche gravi conseguenze per la filiera agrumicola siciliana: “e’ chiaro che il venire meno delle aziende che acquistano agrumi siciliani freschi aprirebbe un nuovo e preoccupante fronte di crisi in un comparto che finora ha beneficiato anche di numerosi investimenti sulla filiera agrumicola realizzate dalle societa’ del settore delle bevande analcoliche”.

“Lo slittamento ad ottobre della sugar tax deciso dalla maggioranza giallorossa non tranquillizza nessuno perche’ sposta solamente nel tempo il problema. Mi aspetto che deputati e senatori siciliani raccolgano l’allarme lanciato dal mondo produttivo dell’isola e che si oppongano in Aula non solo all’introduzione di un nuovo balzello ma all’ennesima insopportabile mortificazione per la nostra economia” conclude Turano. (ANSA)