Ambiente, 300 studenti ad Eraclea Minoa per l’iniziativa ”Una tavola blu”

Oltre 300 studenti e tanti insegnanti sono stati ospiti presso l’Oasi di Marevivo, il Centro di Educazione Ambientale dell’associazione ambientalista, situato tra le spiagge di Eraclea Minoa e Bovo Marina. L’evento è stato organizzato dal FLAG “Il Sole e l’azzurro tra Selinunte, Sciacca e Vigata” nell’ambito dei programmi del PO-FEAMP 2014-2020 e della campagna coordinata dal direttore Giovanni Borsellino e promossa per la sensibilizzazione e l’educazione ambientale e alimentare in favore degli allievi delle scuole di ogni ordine e grado presenti nell’area di riferimento del raggruppamento, finalizzata a migliorare l’immagine dei prodotti della pesca ed a maturare il rispetto e la tutela delle risorse naturali.
Le attività erano state avviate subito dopo l’inizio dell’anno scolastico 2021-2022 e hanno coinvolto 1400 studenti di 20 scuole del territorio afferente al FLAG con due interventi formativi: “Una Tavola Blu” e “La mia Costa. Cosa posso fare io per il mio territorio” e si proponevano di diffondere tra gli studenti contenuti di educazione ambientale ed alimentare, promuovere la valorizzazione delle risorse del mare ed il loro utilizzo sostenibile, lo studio delle caratteristiche naturalistiche, le tradizioni e la cultura del territorio in maniera da arrivare, al termine dell’anno scolastico, alla costituzione di un gruppo di “Guardiani della costa”. Le restrizioni generate dalla pandemia avevano limitato le possibilità di attività in presenza nelle scuole e dopo un’articolata attività in DAD, finalmente si è potuti giungere all’organizzazioniedei laboratori e delle escursioni, per coinvolgere gli studenti più attivamente e riuscire a raggiungereal meglio gli obiettivi della campagna.
Venti scuole dei comuni di Campobello di Mazara, Castelvetrano, Menfi, Sciacca, Ribera, Cattolica Eraclea, Montallegro, Realmonte, Siculiana e Porto Empedocle hanno aderito all’iniziativa, contribuendo con l’aiuto dei dirigenti scolastici, degli insegnanti e degli educatori ambientali a promuovere la conoscenza di questa bellissima fascia costiera, le finalità dei FLAG e del lavoro portato avanti avanti per la promozione di una pesca più sostenibile, la diffusione del valore culturale ed economico rappresentato dalla pesca locale e artigianale, dovere di contribuire al mantenimento di tutto questo patrimonio con comportamenti condivisi, responsabili e rispettosi. Ecco perché la giornata, oltre ai laboratori, ha anche previsto un intervento ecologico da parte dei partecipanti con la pulizia di un lungo tratto di spiaggia compreso tra Bovo Marina e Eraclea Minoa, con la raccolta di irifuti che purtroppo giungono anche in questi luoghi, ugualmente minacciati dall’inquinamento.
L’attività della giornata si è conclusa con una degustazione di pesce azzurro locale, maestralmente preparato dagli chef del ristorante Lido Garibaldi per essere apprezzato e gradito anche dai più giovani. Sgombri, sarde e sardine, privati delle lische e con una leggera panatura di farina, sono giunti caldi sui tavoli allestiti all’esterno del lido e hanno finito per tentare anche i più scettici, meno avvezzi al consumo di pesce povero, con valutazioni di gusto molto positive. Una festa per ridare ai giovani studenti la gioia di stare dinuovo all’aperto e gustare un po’ della serenità della quale sono stati privati in questi ultimi due anni a causa del Covid, trasformatasi anche in un’occasione proficua per apprendere tante conoscenze e comprendere che territorio, rispetto dell’ambiente e risorse naturali possono essere la formula vincente dello sviluppo sostenibile del territorio in cui dimorano, in grado di assicurare a tutti un futuro più equo e sereno.