28 Febbraio 2024
Agrigento e ProvinciaCronaca

Donna sfregiata con l’acido, moglie e marito danno versioni diverse

La cinquantenne sfregiata con l’acido dal marito, sentita dalla squadra mobile e pm, ha riferito d’essersi allontanata dalla casa protetta ad indirizzo segreto dove era alloggiata da metà novembre senza dare comunicazione né alla polizia e agli operatori della struttura. Doveva prendere dei vestiti e lo zaino di sua figlia, nata da una precedente relazione nella casa dove viveva col marito. La donna, per sua stessa ammissione, ha però fatto una ulteriore leggerezza: avrebbe avvisato il marito, dicendogli che stava per tornare a casa per prendere quel che le serviva. Il quarantottenne, contrariamente a quanto filtrato ieri, non si è fatto trovare nascosto dietro la porta d’ingresso. Fra i due vi sarebbe stata l’ennesima discussione e l’uomo avrebbe scagliato dell’acido contro la consorte. Acido che era in una bottiglia di plastica tenuta a porta di mano. La cinquantenne si sarebbe però difesa e quell’acido, in gran parte, è finito su volto e collo dell’uomo, provocandogli ustioni di terzo grado.

L’uomo, ferito, è stato accompagnato da un familiare all’ospedale San Giacomo d’Altopasso di Licata da dove, poi, con l’elisoccorso del 118, è stato trasferito a Catania. Il 48enne, Saro Gioacchino Morgana, indagato per lesioni personali gravissime, sentito anche lui in ospedale dalla polizia, avrebbe raccontato l’esatto contrario, ossia d’essere stato lui la vittima dell’aggressione. A chiamare la polizia, ieri, subito dopo l’aggressione, è stata la donna. La cinquantenne, ieri sera, durante l’audizione, avrebbe raccontato anche di pregressi maltrattamenti in famiglia, episodi di violenza subiti dalla donna che però la stessa non aveva mai denunciato. Lo scorso novembre, la cinquantenne – raccontando solo di un caso – aveva parlato con la polizia ed era stata, avviando l’iter del codice rosso, allontanata, assieme alla figlia minorenne, da quell’abitazione. (ANSA)