22 Febbraio 2024
Cronaca

In Sup lungo il fiume Platani, Marevivo a sostegno dell’impresa di Andrea Barbera

“Halykos Project” è il nome dato alla sua impresa dal velista agrigentino Andrea Barbera. Essa consisterà nella prima spedizione in solitaria su una tavola sup lungo il fiume Platani. Dal cuore dei Monti Sicani fino alla Foce del fiume Platani, tra i territori di Ribera e Cattolica Eraclea. Un percorso di circa 65 km per realizzare un docufilm che verrà diffuso nelle scuole per sensibilizzare le nuove generazioni sull’importanza degli sport outdoor a contatto con la natura, e il valore che riveste la tutela dell’ambiente. È soprattutto in merito a quest’ultimo aspetto che si inquadra la partnership con Marevivo a sostegno dell’iniziativa che riguarda, tra l’altro, uno dei fiumi al quale l’associazione è legata per aver promosso il progetto “Halykòs – Prevenzione Ambientale e Valorizzazione della Foce del Fiume Platani”, svoltosi nel biennio 2020-2022 e finanziato dalla Fondazione Con il Sud – Bando Ambiente 2018.

“Il progetto – ricorda Marevivo in una nota – oltre alla forte azione di sensibilizzazione portata avanti e alla costituzione del Patto territoriale che ha coinvolto molte istituzioni locali e tanti imprenditori per promuovere a diversi livelli la riduzione della plastica monouso, ha visto la collocazione di una barriera blocca plastica in prossimità della foce del fiume che ha permesso nel biennio di attività di bloccare tonnellate di rifiuti galleggianti prima del loro arrivo in mare.

Si stima, infatti, che circa l’80% dei rifiuti rinvenuti in mare arrivino attraverso i corsi d’acqua. La barriera, rimossa la scorsa primavera a causa dei danni subiti in seguito a una piena, sarà sostituita da una nuova, grazie ad un finanziamento ottenuto dal Comune di Ribera da parte della Regione Siciliana con i fondi previsti dalla legge 17 maggio 2022, la cosiddetta legge “SalvaMare”.

La partnership di Marevivo all’impresa di Andrea Barbera – prosegue la nota – consentirà, grazie alla grande disponibilità dell’adventurer agrigentino, di documentare lo stato di salute del fiume. Saranno documentate lungo il percorso eventuali situazioni di pericolo ambientale e saranno effettuati dallo stesso Barbera in diversi tratti dei prelievi di campioni di acqua che saranno successivamente analizzati da Arpa Sicilia, che già nel corso del progetto Halykòs aveva effettuato delle analisi in corrispondenza della foce e della barriera blocca plastica.

Grazie all’attrezzatura messa a disposizione da Marevivo, inoltre, sarà possibile anche effettuare un’analisi delle microplastiche contenute nelle acque del fiume. Una collaborazione che consentirà al mondo scientifico e alle comunità locali di conoscere e comprendere le emergenze ambientali alle quali rimane esposto il Fiume Platani, quinto fiume in Sicilia per ordine di lunghezza. La navigazione inizierà intorno a metà gennaio e durerà all’incirca quattro giorni giungendo a termine presso la Riserva naturale orientata Foce del Fiume Platani, dove Marevivo attenderà l’arrivo di Barbera organizzando un evento di educazione ambientale. Qualche giorno fa Barbera ha incontrato il presidente della delegazione regionale Sicilia di Marevivo, Fabio Galluzzo, che gli ha donato la t-shirt dell’associazione a suggello del legame con il fiume e come riconoscenza per il lavoro che si appresta a fare”.