Migranti, ”Oltre l’immagine”: racconti di integrazione a Sciacca

Una festa di colori, musica e immagini. Si chiama ‘Oltre l’immagine’ ed è l’evento, in programma lunedì prossimo a Sciacca (Agrigento), organizzato dai ragazzi dello Sprar. Un’iniziativa colorata come ‘l’arcobaleno’, nome anche della cooperativa sociale che ospita 20 ragazzi minori, inseriti nel servizio Siproimi, in collaborazione con il comune di Sciacca. Una festa dopo i risultati ottenuti dai giovani migranti durante i laboratori di fotografia e di cucina, svolti nella comunità Arcobaleno e all’istituto statale alberghiero ‘Calogero Amato Vetrano’. Un percorso di sei laboratori nel settore della ristorazione e della comunicazione attraverso la fotografia che vuole promuovere l’incontro.

I protagonisti sono Ibrahim, Alieu, Santhosh, SissoKou, Sidibe, Diomkè e tanti altri le cui storie saranno raccontate durante l’evento. Per l’occasione sarà inaugurata una mostra fotografica, che resterà visitabile per tutto il periodo natalizio nel Palazzo comunale di Sciacca. Venticinque 25 fotografie per documentare i momenti delle loro attività durante i laboratori e l’integrazione con il territorio. “‘Oltre l’immagine’ vuole essere un pomeriggio di emozioni, un ricco programma con proiezioni video e racconti”, spiegano gli organizzatori. All’evento sarà offerta anche una degustazione preparata dai ragazzi dello Sprar in collaborazione con gli allievi dell’istituto alberghiero ‘Calogero Amato Vetrano’ di Sciacca. A concludere la serata le note del gruppo ’30 degrees’ ‘casa cantiere’ con musica africana e siciliana. (AdnKronos)