Mafia, il 4 maggio processo d’appello Messina Denaro per le stragi di Capaci e via D’Amelio

La Corte d’Assise d’Appello di Caltanissetta ha fissato per il 4 maggio il processo che vede imputato Matteo Messina Denaro, accusato di essere stato tra i mandanti delle stragi di Capaci e via D’Amelio. Il superlatitante, nell’ottobre del 2020, in primo grado venne condannato all’ergastolo. Capo della mafia trapanese, Messina Denaro, ricercato dal 1993, e’ ritenuto uno dei responsabili della linea stragista di Cosa nostra imposta dai corleonesi di Toto’ Riina con il quale, avrebbe pianificato negli anni ’90 l’azione stragista contro le Istituzioni. La primula rossa di Castelvetrano era gia’ stato condannato per le bombe al nord Italia del 1993. La corte d’Assise di Caltanissetta, lo ha dichiarato colpevole degli attentati di Capaci e via d’Amelio. L’accusa sara’ rappresentata dal Pg Antonino Patti mentre la corte sara’ presieduta dal giudice Maria Carmela Giannazzo. (AGI)