21 Febbraio 2024
Cronaca

Sindaco di Trapani: ”Basito per inchiesta su corruzione”

“Rimango assolutamente basito in ordine alle notizie stampa in relazione alla presunta turbativa d’asta, corruzione e rivelazione di notizie d’ufficio, interessanti la città di Trapani e la partecipata Trapani Servizi”. Lo afferma Giacomo Tranchida, Sindaco di Trapani, commentando l’inchiesta condotta dai carabinieri a Trapani che hanno notificato la misura degli arresti domiciliari al deputato regionale del Pd, Dario Safina.

Nell’ambito della stessa indagine è stato notificato il divieto di dimora a Trapani ed Erice al direttore generale e al direttore amministrativo della “Trapani Servizi” spa, ditta che gestisce l’attività di raccolta dei rifiuti in città, e il divieto temporaneo di esercitare l’attività imprenditoriale per un anno all’energy manager per la Sicilia di una società che opera nel settore dell’lluminazione pubblica.

“Conosco Dario Safina da tempo, persona perbene, capace professionalmente ed amministratore zelante oltre che impegnato. – aggiunge Tranchida – Fiducioso comunque nell’operato della magistratura, auspico che Safina saprà chiarire celermente la sua posizione. “Ho conosciuto Guarnotta già incaricato alla Trapani Servizi, partecipata comunale, apprezzandone capacità tecnico-professionali ed impegno lavorativo – prosegue – in un settore molto delicato e complesso quale quello del trattamento dei rifiuti non solo del comune di Trapani. Per quanto a mia conoscenza e competenza, assicuro la correttezza delle procedure concorsuali evidenziatemi anche con supplemento istruttorio tendente ad aprire, anche in tali occasioni, al ‘mercato’ generale del lavoro tali opportunità”. (ANSA)