Mafia, superpentito Mutolo: ”Cerco il perdono”

“Non ho mai avuto la possibilita’ di chiedere perdono ai parenti delle persone che ho ucciso e il ricordo mi crea dolore”. Questo uno dei passaggi dell’intervista al super pentito della mafia Gaspare Mutolo – sotto protezione in una localita’ segreta – pubblicata oggi sul ‘il Centro – Quotidiano dell’Abruzzo’ realizzata a pochi giorni dalla chiusura della personale di pittura a Giulianova dell’ex boss, ora quasi 80enne. “La legge sui pentiti – si legge nell’intervista pubblica nell’edizione oggi in edicola – e’ cambiata in peggio, ora e’ piu’ difficile che qualche mafioso inizi a collaborare, non ha garanzie e si deve fare la galera”. E prosegue: “Sono ‘malato di pittura’ i miei quadri preferiti sono due: uno sulla strage di via d’Amelio e mi ricorda Borsellino, l’altro e’ sulla piovra a 8 tentacoli. Non li vendo, li tengo con me accanto al letto”.(ANSA)